Il nostro Codice Etico

Il Codice Etico è l’insieme dei valori e dei principi che governano la condotta di un gruppo di persone, un gruppo di professionisti. E’ l’insieme di norme che permettono di classificare i comportamenti in buoni o cattivi, giusti o ingiusti, leciti o illeciti. Costituisce la deontologia di una professione.

Toro Investigazioni e Sicurezza Srl è una azienda che opera nel settore investigativo privato, nell’intelligence e nella security personale e d aziendale. L’azienda è consapevole di operare in un contesto caratterizzato da elevata riservatezza e confidenzialità. Le interazioni operative in essere con il personale dipendente e collaboratori esterni e i rapporti commerciali in essere con la nostra clientela e potenziale clientela, sono estremamente delicate. L’azienda pertanto ha scelto di operare in modo responsabile, trasparente ed affidabile, sempre.

Toro Investigazioni e Sicurezza Srl si propone di individuare e fissare in questo documento i diritti, doveri, responsabilità, nonché i principi di correttezza, lealtà, integrità, e trasparenza dei comportamenti, del modo di operare e della conduzione dei rapporti sia al proprio interno sia nei confronti dei soggetti terzi.

I dirigenti, i dipendenti, i collaboratori interni dell’azienda, nonché i collaboratori esterni che agiscono in nome o per conto della società, sono tenuti a prendere atto e rispettare il presente codice. Il Codice Etico è reso disponibile a tutti coloro con cui sono intrattenute relazioni d’affari: clienti, fornitori, consulenti, istituzioni, stakeholder in generale.

Toro Investigazioni e Sicurezza Srl vigilerà con attenzione sull’osservanza del presente codice, sulla trasparenza dei comportamenti posti in essere intervenendo con le relative sanzioni previste dal codice civile e dal codice penale.

 

2 PRINCIPI GENERALI

I destinatari del presente Codice Etico debbono attenersi per quanto di loro competenza ai seguenti principi:

  • Agire nel rispetto della legge e dei regolamenti vigenti;
  • Trattare i clienti, il personale dipendente, i collaboratori esterni, i fornitori, la comunità circostante e le istituzioni che la rappresentano, nonché ogni terzo con il quale si entra in rapporto per motivi professionali con onestà, correttezza, imparzialità e senza pregiudizi;
  • Assumere un comportamento responsabile nei confronti di altri operatori presenti nel contesto operativo della società tutelando inoltre la sicurezza e la salute propria e dei terzi
  • Mantenere la riservatezza delle informazioni riguardanti la società, il suo Know-how, i dipendenti, i clienti ed i collaboratori; mantenere la riservatezza e la segretezza su quanto appreso durante le attività svolte;
  • Individuare, analizzare e gestire costante i rischi connessi alla tipologia di lavoro svolto;

3 RELAZIONI CON TERZE PARTI

3.1 Rapporti Con La Clientela di Toro Investigazioni

Toro Investigazioni e Sicurezza Srl, perseguendo il proprio successo grazie alla professionalità e competenza, riconosce l’importanza della salvaguardia della qualità della relazione con la clientela ed il suo continuo miglioramento. La società tiene conto della diverse esigenze dei propri clienti riservando agli stessi la medesima importanza.

Tenuto conto della natura dell’attività e delle operazioni svolte, Toro Investigazioni e Sicurezza Srl sottolinea che l’obbligazione assunta da un istituto investigativo è una obbligazione di mezzi e non di risultato.

In riferimento al D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, al fine di garantire un adeguato livello di riservatezza e tutela ai trattamenti dei dati personali, la società supervisiona la gestione dei dati personali di ogni cliente prestando la massima attenzione in particolare all’ acquisizione di notizie, dati e documenti connotati da un alto grado di confidenzialità, allo scambio di corrispondenza, specie per via telematica, all’utilizzo e distruzione di dati riportati su particolari dispositivi o supporti, specie elettronici (ivi comprese registrazioni audio/video) o documenti (in particolare le relazioni di servizio), all’ acquisizione di dati e documenti da terzi. Il trattamento dei dati si svolge quindi nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, della dignità dell’interessato ed in particolar modo nel rispetto della riservatezza.

I dati sono trattati in modo lecito e secondo correttezza, raccolti e registrati per scopi specifici, legittimi ed espliciti, non eccedendo rispetto alle finalità per cui sono stati acquisiti.

 

3.2 Rapporti Con I Dipedenti di Toro Investigazioni

Toro Investigazioni e Sicurezza Srl basa il proprio successo e il proprio sviluppo sulle risorse umane tutelandone e promuovendone il valore e accrescendo le competenze possedute da ciascun dipendente.

La società infatti rispetta senza alcuna discriminazione di religione, razza, credo politico, sindacale o di sesso tutti i dipendenti, rispettandone la dignità personale; nega ogni atteggiamento di favoritismo. La società favorisce ogni rapporto di collaborazione reciproca tra i dipendenti; infine, nel rispetto delle norme sulla privacy, la società tratta con la massima riservatezza i dati di ogni dipendente, utilizzandoli solo per le finalità riguardanti il rapporto di lavoro.

Altresì, i dipendenti sono tenuti al rispetto dell’obbligo di fedeltà, non devono trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con Toro Investigazioni e Sicurezza Srl, né divulgare in modo contrario alla correttezza professionale notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione dell’impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio.

I dipendenti, come i fornitori e i consulenti, sono tenuti a mantenere segreti e riservati ed in particolare, ma non esclusivamente, a non divulgare, rivelare o cedere a terzi, copiare, riprodurre i documenti, i materiali, le informazioni, i dati, le notizie, le criticità o altro (l’elenco precedente si intende a titolo esemplificativo e senza intento limitativo) di cui vengono a conoscenza nell’ambito dello svolgimento dell’attività professionale presso e per conto di Toro Investigazioni e Sicurezza Srl. Tale impegno è valido per tutto il periodo di rapporto di lavoro ed il periodo successivo alla data di termine del rapporto di lavoro.

Condizione essenziale affinchè possa essere instaurata la collaborazione tra Toro Investigazioni e Sicurezza Srl ed un agente investigativo subordinato (C.I.I.E.) è la piena estraneità dello stesso candidato a procedimenti/pendenze penali a proprio carico e l’assenza di condanne penali anche non definitive. In caso contrario, è fatto obbligo al candidato di farne tempestiva comunicazione alla società, sia nella fase preassuntiva, sia nel caso in cui il procedimento e/o la condanna siano notificate dopo la data di assunzione.

Il collaboratore incaricato (dipendente o fornitore) è tenuto ad informare tempestivamente l’ amministratore delegato dell’azienda qualora si verificasse qualsiasi azione anomala e/o pericolosa durante l’attività soprattutto quando l’azione ritenuta anomala possa in qualunque modo degenerare ed essere causa di eventuali future ripercussioni negative e/o azioni pericolose attuate ai danni del personale (dipendenti e fornitori) e ai danni delle risorse umane, materiali e immateriali dell’azienda in generale.

Al collaboratore dipendente è espressamente vietato entrare in contatto con il cliente (o committente del servizio investigativo); al collaboratore dipendente è altresì vietato entrare in contatto verbale, di sua spontanea iniziativa, con la persona/e oggetto del controllo investigativo.

Allo stesso modo, il collaboratore incaricato deve altresì informare tempestivamente la proprietà quando, come conseguenza di un proprio errore, imprecisione, inconveniente di qualsiasi natura, possa essere compromessa la natura riservata dell’operato di Toro Investigazioni e Sicurezza Srl.

 

3.3 Rapporti Con I Fornitori di Toro Investigazioni

Le condizioni d’acquisto devono essere basate su:

  • Una valutazione della qualità, capacità e difficoltà di fornire e garantire tempestivamente beni e servizi di livello adeguato;
  • Prezzo dei servizi richiesti;
  • In nessun caso sono ammessi favoritismi o vantaggi diversi da quelli dell’esclusivo interesse e beneficio della società.

I fornitori, in qualità di collaboratori, così come i dipendenti, sono tenuti a mantenere segreti e riservati ed in particolare, ma non esclusivamente, a non divulgare, rivelare o cedere a terzi, copiare, riprodurre tutti i documenti, i materiali, le informazioni, i dati, le notizie, le criticità o altro (l’elenco precedente si intende a titolo esemplificativo e senza intento limitativo) di cui vengono a conoscenza nell’ambito dello svolgimento dell’attività professionale presso Toro Investigazioni e Sicurezza Srl. Tale impegno è valido per tutto il periodo di rapporto di lavoro ed il periodo successivo alla data di termine del rapporto di lavoro.

Al fornitore, così come al dipendente, è espressamente vietato entrare in contatto con il cliente (o committente del servizio investigativo) salvo diversa disposizione della società; al fornitore è altresì vietato entrare in contatto verbale, di sua spontanea iniziativa, con la persona/e oggetto del controllo investigativo.

 

3.4 Rapporti Con La Pubblica Amministrazione

I rapporti, comportamenti e accordi con la pubblica amministrazione sono improntati alla massima trasparenza, correttezza e legalità, evitando di influenzare ogni decisione della stessa. Toro Investigazioni e Sicurezza Srl si impegna a non proporre a titolo personale a dipendenti della pubblica amministrazione opportunità di lavoro o commerciali, nè agevolazioni agli stessi. Nel caso in cui la società utilizzi un soggetto terzo per essere rappresentata nei rapporti verso la Pubblica Amministrazione, nei confronti di tale soggetto verranno applicate le stesse direttive valide per i dipendenti della società stessa.

 

3.5 Regali,Omaggi e Benefici

Toro Investigazioni e Sicurezza Srl vieta ai dipendenti ed ai collaboratori di effettuare elargizioni di denaro, contributi sotto forma di regali od omaggi, in nome della società o a nome proprio, nei confronti della clientela, dei fornitori o della persona/e oggetto del controllo investigativo utilizzando fondi, servizi e proprietà dell’azienda stessa o propri, né verso associazioni partitiche, né a favore di funzionari pubblici o loro familiari, che possano influenzare l’indipendenza di giudizio o indurre ad assicurare un qualsiasi vantaggio negli affari/servizi.

 

4 TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

In riferimento al Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 – “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” – pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 101 del 30 aprile 2008 – Supplemento Ordinario n. 108, vi sono alcune norme particolarmente importanti a cui sia il datore di lavoro sia il lavoratore devono attenersi nel rispetto della salvaguardia della propria incolumità e di quella degli altri.

In particolare è fatto divieto di compiere, di propria iniziativa, eventuali manovre o operazioni che possono mettere a rischio la sicurezza di se stessi, del personale, della clientela, delle persone in generale; è vietato fumare durante l’orario di lavoro e all’interno di tutti i locali di lavoro; è fatto assoluto divieto, prima e durante l’orario di lavoro, l’assunzione di sostanze che possano alterare lo stato psicofisico della persona ed esporre la stessa a rischi derivanti dalla disattenzione, poca concentrazione o la non piena padronanza di sé e delle proprie facoltà fisiche e psichiche; l’assunzione di droga o alcol, anche saltuaria, provoca alterazioni dell’equilibrio psicofisico quindi è vietato assumere alcol o droga anche prima dell’attività lavorativa; i lavoratori che svolgono mansioni a rischio sicurezza propria e altrui possono essere sottoposti, anche per ragionevole dubbio, ad accertamenti sanitari periodici di verifica.

 

5 GESTIONE DELLE INFORMAZIONI E DELLA DOCUMENTAZIONE SOCIALE

5.1 Uso Delle Risorse Informatiche

Le risorse informatiche e telematiche rappresentano, per Toro Investigazioni e Sicurezza Srl, strumenti fondamentali per l’accrescimento competitivo dell’azienda; essi infatti assicurano all’azienda stessa un efficiente controllo dei flussi di informazioni ed il controllo delle attività.

Tutti coloro i quali utilizzano strumenti informatici sono tenuti ad adottare un comportamento diligente coerentemente con quanto previsto dall’art.1176 del codice civile. In particolare In caso di utilizzo di PC o archivi aziendali l’incaricato che ha accesso a strumenti elettronici dovrà comunque:

  • Adottare anche le necessarie cautele per assicurare la segretezza della componente riservata delle credenziali di autenticazione (es. password) e la diligente custodia dei dispositivi in possesso a suo uso esclusivo;
  • Non lasciare incustodito ed accessibile lo strumento elettronico durante una sessione di trattamento (avvisando il soggetto preposto dalla direzione nell’ufficio di appartenenza in merito per il temporaneo allontanamento o disattivando le possibilità di accesso);
  • Modificare la password al primo utilizzo e successivamente almeno ogni 6 mesi (3 mesi in caso di dati sensibili);
  • comunicare senza ritardo al soggetto incaricato della custodia delle password (qualora individuato) ogni eventuale modifica della propria password;
  • Offrire collaborazione nel caso in cui il datore di lavoro avesse la necessità di accedere ad archivi informativi il cui accesso è protetto da password in suo ad uno degli incaricati dell’azienda.
  • Limitarsi ad effettuare le operazioni di trattamento ed accesso agli archivi cartacei prettamente rientranti nell’ambito del proprio incarico;
  • Controllare e custodire i documenti contenenti dati personali necessari all’espletamento dei propri compiti restituendoli non appena terminate le operazioni necessarie.

 

6 CONFLITTI DI INTERESSE

I dipendenti devono comunicare a Toro Investigazioni e Sicurezza Srl se vi sono situazioni di conflitto o comunque potenzialmente lesive per l’operato della società, se vi sono altresì situazioni di non compatibilità prima che abbia inizio la gestione dell’attività investigativa.

Analogamente tutti i destinatari del presente codice si impegnano ad evitare situazioni ed attività in cui si possa manifestare un potenziale conflitto di interessi tra le attività personali e familiari e i destinatari per i quali viene svolta un’attività da Toro Investigazioni e Sicurezza Srl.

 

7 STRUTTURA DEI CONTROLLI DEL CODICE ETICO

7.1 Sanzioni Disciplinari

Le sanzioni disciplinari previste in caso di violazione delle misure contenute nel presente Codice hanno lo scopo di contribuire all’efficacia del codice stesso. Per quanto riguarda l’ aspetto disciplinare nel rapporto di lavoro, oltre all’ obbligazione principale di eseguire la prestazione lavorativa, sottostando, entro i limiti sanciti dalla legge e dai contratti, al potere direttivo del datore di lavoro, al lavoratore compete anche l’ adempimento ad altri obblighi, anch’essi espressamente previsti dal Codice Civile: si tratta, in particolare, degli obblighi di diligenza, di obbedienza , entrambi disciplinati dall’ art. 2104 c.c., obbligo di fedeltà, di cui all’art. 2105 c.c.

Il lavoratore è tenuto non solo ad eseguire la sua prestazione attenendosi ai canoni tecnici di esecuzione a regola d’arte, tenuto conto della natura dell’attività ( “diligenza in senso tecnico”) , ma anche a compiere ogni operazione accessoria finalizzata a garantire l’ utilità della prestazione stessa per l’organizzazione aziendale.

 

Provvedimenti disciplinari:

La violazione degli articoli del CCNL e delle ulteriori norme sopra elencate, sarà punita a seconda della gravità con i seguenti provvedimenti disciplinari:

  1. Richiamo verbale;
  2. Ammonizione scritta;
  3. Multa, non superiore all’importo di tre ore di retribuzione;
  4. Sospensione dal lavoro e dalla retribuzione, per un periodo non superiore a 3 giorni di effettivo lavoro;
  5. Licenziamento.

L’ adozione dei provvedimenti disciplinari sarà effettuata nel rispetto delle norme contenute nell’articolo 7 L. 300/1970.

I provvedimenti della ammonizione verbale o scritta saranno adottati, di regola, nei casi di prima mancanza, purchè non sia grave; la multa nei casi di recidiva; la sospensione nei casi di mancanze gravi e di recidiva in mancanze già punite con la multa nei mesi precedenti. Il licenziamento con immediata risoluzione del rapporto di lavoro e con la perdita dell’indennità di preavviso, potrà essere adottato per le mancanze più gravi come in via esemplificativa previste dall’ articolo 48 del CCNL di categoria.

 

7.2 Verifica Dell’Effettiva Applicazione Del Codice Etico

Massima diffusione viene data al suddetto Codice Etico nei confronti di tutti i destinatari.

All’Amministratore Delegato sono affidati i compiti di:

  • Proporre modifiche al contenuto del codice;
  • Verificare ogni violazione del codice ed informare gli organi aziendali competenti per l’adozione di eventuali provvedimenti sanzionatori;
  • Vigilare sull’osservanza del codice e sulla diffusione del medesimo presso tutti i destinatari.

 

8 CONDIZIONI D’USO DEL NOSTRO CODICE ETICO

Tutti i diritti sui contenuti del presente codice etico sono riservati a Toro Investigazioni e Sicurezza Srl. Il copyright di Toro Investigazioni e Sicurezza Srl si riferisce a tutti i contenuti originali presenti nel Codice Etico e nel sito internet in generale compresa la grafica e il codice sorgente (html, php). Non è consentito il download totale o parziale di tutto il materiale originale, modificarlo in alcun modo nè riprodurlo, anche parzialmente, o trasmetterlo pubblicamente, eseguirlo, distribuirlo o in altro modo utilizzarlo a scopi pubblici o commerciali. Ai fini delle presenti condizioni, è proibito qualsiasi uso del suddetto materiale su qualsiasi altro sito web o ambiente di rete a qualunque scopo in assenza di una specifica autorizzazione scritta. E’ comunque possibile menzionare il materiale informativo contenuto all’interno del sito web a condizione che ne vengano citate la fonte.

 

federpol-toro-investigazioni
kcb-security-manager-toro-investigazioni
federpol-toro-investigazioni

Nel 2016 Toro Investigazioni ha risolto 208 casi