assegno mantenimento

Assegno Mantenimento

Appurare l’esistenza di impegni lavorativi non dichiarati, accertamenti patrimoniali a seguito di una separazione, convivenza more uxorio.

assegno mantenimento

Assegno Mantenimento

diritto da tutelare: Art. 156 Codice Civile

Toro Investigazioni mira ad ottenere prove documentali al fine di revisionare le ordinanze del giudice in ambito di sentenze di separazione appurando l’esistenza di impegni lavorativi non dichiarati dall’ex coniuge e svolgendo accertamenti patrimoniali a seguito di una separazione, per ottenere la variazione dell’ assegno di mantenimento stabilito.

La Legge stabilisce che – in caso di separazione tra coniugi, ove sussista una disparità economica tra i due – il coniuge più abbiente è tenuto a versare periodicamente una somma di denaro o altre voci di spesa al coniuge più debole per garantire a quest’ultimo un tenore di vita non inferiore a quello precedente alla separazione. Per ottenere la determinazione dell’assegno di mantenimento, il coniuge deve farne esplicita richiesta.

Sarà il giudice che deciderà se sussistono le condizioni per la determinazione dell’assegno e ne calcolerà l’entità, in base al reddito di entrambi i congiunti e qualora sia dimostrato che il coniuge richiedente non sarebbe in grado di mantenere adeguatamente sé stesso o gli eventuali figli senza un aiuto economico adeguato.

L’ assegno mantenimento è però soggetto alla possibilità di una rivalutazione nel tempo, qualora vi sia un sostanziale mutamento delle condizioni economiche di entrambi, ovvero vi sia un obiettivo mutamento della situazione di fatto accertata al momento della pronuncia del provvedimento. I motivi più frequenti di variazione assegno mantenimento:

  • Ingente incremento del reddito del coniuge avente diritto(es. eredità..);
  • Deterioramento della situazione economica di uno dei due coniugi;
  • Mutamento della situazione familiare (es. figli non più a carico);
  • Convivenza more uxorio del coniuge avente diritto;

Qualora vi sia il sospetto che la sostanziale situazione della controparte differisca da quanto stabilito in fase di separazione, le attività investigative di Toro Investigazioni permettono di fornire prove certe e producibili in giudizio, dell’effettiva capacità reddituale dell’ex coniuge o la presenza di eventuali fonti di reddito non ufficiali, attività lavorative non dichiarate o convivenza more uxorio.

Tali prove, raccolte attraverso specifiche attività investigative e di intelligence, saranno raccolte in un dossier utilizzabile in giudizio per richiedere la revisione dell’importo dell’ assegno mantenimento.

assegno mantenimento, verifica attività lavorativa, modus viventi, patrimonio, convivenza more uxorio

 

Case History

Zeno e la ex-moglie

Zeno, separato. Corrisponde alla sua ex-moglie un assegno di mantenimento molto elevato in virtù del fatto che, al momento della separazione, la signora non lavorava. L’uomo, nostro committente, sa con certezza che l’ex moglie adesso lavora e guadagna un discreto stipendio. Lo stesso afferma: “Le condizioni economiche della mia ex moglie sono nettamente cambiate rispetto a quando il giudice ha stabilito l’importo dell’assegno di mantenimento che puntualmente, mensilmente le corrispondo; sono quasi certo addirittura che ora percepisca lo stipendio in nero…”.
Attiviamo i controlli del caso. Le nostre unità operative individuano il luogo in cui la signora si reca quotidianamente, per più di otto ore consecutive al giorno, appurano lo svolgimento di attività lavorativa, desumono il compenso che la stessa percepisce. La documentazione servirà al nostro committente per chiedere una revisione dell’importo dell’assegno di mantenimento o addirittura l’annullamento dello stesso, qualora si scoprisse che la stessa signora percepisce lo stipendio in forma non ufficiale.

Giulio impiegato comunale

Giulio, impiegato comunale. A seguito della sua separazione coniugale, è stato costretto ad abbandonare la casa di sua proprietà lasciandola alla ex moglie. Ora i figli, ormai maggiorenni, vivono a Roma, studiano all’università. Si rivolge a Toro Investigazioni chiedendo una semplice consulenza: “Ho certezza assoluta che la mia ex moglie convive con un uomo nella casa che io ho ereditato dai miei genitori; l’amante è uomo molto ricco e deduco che lui possa permettersi di acquistare o di affittare un’altra casa; non capisco perché la mia ex moglie non possa abbandonare l’appartamento, trasferirsi altrove con il suo nuovo partner e restituirmi le chiavi di casa mia !”.
Le nostre investigazioni hanno documentato quanto sospettato e hanno permesso al nostro committente di rientrare in possesso della casa di proprietà.

Scarica la brochure

Download

Contatta un professionista Toro

Cliccando "Invia" l'utente dichiara di aver letto e compreso la Privacy Policy ed esprime il proprio consenso al trattamento dei dati sensibili o giudiziari eventualmente riportati nel testo del messaggio al solo scopo di soddisfare le sue richieste.

federpol-toro-investigazioni
kcb-security-manager-toro-investigazioni
federpol-toro-investigazioni

Nel 2016 Toro Investigazioni ha risolto 208 casi