assenteismo doloso e lealtà professionale

Assenteismo doloso

Simulazione di infortunio o di cattivo stato di salute, svolgimenti di attività incompatibili con la malattia/infortunio e prolungamento dell’iter di guarigione, errato utilizzo del permesso Legge 104

ASSENTEISMO DOLOSO

Assenteismo doloso: comportamenti scorretti in relazione all’assenza dal lavoro
Diritto da tutelare: Art. 2119 Codice Civile
 
Toro Investigazioni effettua accertamenti su comportamenti incompatibili con l’assenza per malattia ed infortunio e che possano compromettere l’iter di guarigione. L’errato utilizzo di permessi Legge 104. La raccolta di documentazione e di prove è necessaria per procedere legalmente e per licenziamenti per giusta causa.
Il dipendente è una risorsa fondamentale quando si comporta correttamente, altrimenti si può rivelare un elemento di ingente danno per l’azienda stessa. L’assenza dal posto di lavoro diventa assenteismo doloso quando il dipendente simula un infortunio o un cattivo stato di salute, oppure prolunga indebitamente il periodo di malattia. I comportamenti più comuni riscontrati dalla nostra agenzia investigativa in quasi dieci anni di attività sono:
  • Simulazione di malattia o infortunio per negligenza;
  • Impiego occulto durante il periodo di malattia;
  • Indebito utilizzo dei permessi per assistenza (Legge 104);
  • Indebita estensione del periodo di malattia;

Quando il datore di lavoro sospetta che l’assenza del dipendente sia illecita e che egli possa così sottrarre indebitamente ore di lavoro contrattuali o, ancor peggio, utilizzarle per recare danno all’azienda (vedi concorrenza sleale), è fondamentale  poter accertare tempestivamente il comportamento scorretto per poter limitare i danni, ricorrendo eventualmente al licenziamento per giusta causa.

Toro Investigazioni, attraverso approfondite indagini e attività di O.D. (Osservazione Dinamica) è in grado di accertare i comportamenti caratterizzanti dell’assenteismo doloso, come lo svolgimento di attività incompatibili con la malattia (hobby, sport, attività fisiche), oppure  prove di simulazione di infortunio, come il mancato utilizzo dei presidi sanitari prescritti dall’autorità sanitaria (collari, busti, stampelle) se non durante gli orari di visita del medico fiscale.

 

Case History

La finta malattia

Ivo, titolare di una realtà aziendale a conduzione familiare. La sua impiegata dichiara spesso di essere ammalata e quindi non si reca al lavoro per giornate intere. Il nostro committente sospetta che la stessa stia mentendo. Chiede il nostro intervento.
In base ai nostri controlli, documentiamo che la stessa impiegata gode di ottima salute e nei giorni in cui si svolgono i nostri controlli, viene notata mentre collabora nel negozio della sorella maggiore, attività ubicata sotto l’abitazione di residenza dell’impiegata stessa. La documentazione da noi prodotta servirà ad Ivo per procedere legalmente nei confronti della sua dipendente poco leale. La fattispecie è licenziamento per giusta causa.

Scarica la brochure

Download

Contatta un professionista Toro

Cliccando "Invia" l'utente dichiara di aver letto e compreso la Privacy Policy ed esprime il proprio consenso al trattamento dei dati sensibili o giudiziari eventualmente riportati nel testo del messaggio al solo scopo di soddisfare le sue richieste.

federpol-toro-investigazioni
kcb-security-manager-toro-investigazioni
federpol-toro-investigazioni

Nel 2016 Toro Investigazioni ha risolto 208 casi